Federico Buffa torna a Napoli, il prossimo 17 marzo al teatro Troisi (via Leopardi 192) con lo spettacolo “Due pugni guantati di nero” (produzione Imarts)

Dopo il successo di “Il rigore che non c’era”, il giornalista, che sul palco sarà accompagnato al pianoforte dal maestro Alessandro Nidi, ha scelto nuovamente l’associazione culturale Guapanapoli come partner per portare in scena in esclusiva a Napoli una nuova imperdibile storia, quella di Carlos, Smith e delle Olimpiadi di Città del Messico 1968.

Si tratta del racconto di una della storie sportive e sociali più famose del Novecento: quando gli statunitensi Tommie Smith e John Carlos salirono sul podio dei 200 metri alle Olimpiadi a Città del Messico, il 16 ottobre 1968, con i pugni alzati, i guanti neri, i piedi scalzi, la testa bassa per protestare a favore dei diritti degli afro-americani a pochi mesi dall’assassinio di Martin Luther King.

Tommie Smith era arrivato primo (col nuovo record mondiale dei 200 metri), Carlos terzo. Sul quel podio salì sul secondo gradino Peter Norman, un australiano che per solidarietà con i due atleti afro-americani indossò durante la cerimonia la coccarda dell’Olympic Project for Human Rights.