Torna alla Mostra d’Oltremare, il Nauticsud dal 9 al 17 febbraio. Per il suo quarantaseiesimo anniversario con un’edizione in crescita, forte del 10 per cento in più di imbarcazioni esposte rispetto all’edizione scorsa e un parterre interessante con numerose anteprime sia tra le barche che tra i motori.

“Quattro anni fa abbiamo deciso di rilanciare il Nauticsud insieme alla Mostra ed è stata una scommessa vincente in una città che ha la tradizione del mare e dove si usa la barca per dieci mesi all’anno”, spiega Gennaro Amato, presidente dell’Anrc che ogni anno organizza il salone nautico indoor più grande d’Italia. “Accoglieremo numerosissime imbarcazioni dai 4 ai 20 metri, che rappresentano non solo il vero mercato italiano, ma anche il segmento produttivo in cui c’è maggior numero di aziende della filiera”.

Quest’anno, al Nauticsud, si potranno vedere diverse novità, come per esempio il gommone alimentato a gas di Coastal Boat (disponibile dall’aprile 2019), pensato per abbattere le emissioni inquinanti e virare su un trasporto più ecologico.

Saranno presenti case di produzione come Mercury, Suzuki, Yamaha, Evinrude, Honda, Tohatsu. Nella categoria yacht le maggiori aziende italiane, come Azimut, Fiart, Rizzardi, Bavaria, Beneteau, Jeanneau, Cranchi e Rioyacht, presenteranno le nuove realtà, mentre a tenere alta la tradizione dei gozzi campani ci penseranno, tra gli altri, Nautica Esposito, Cantieri Mimì, Nautica Tirrena, La Baia Nautical. Per il segmento gommoni: Salpa, Italiamarine, Oromarine, Seaprop, Joker, La Nuova Jolly, Pirelli, Sacs, Novamares, Ranieri.

Nei 50mila metri quadrati di esposizione, con dieci padiglioni e gli spazi esterni della zona del viale delle 28 fontane, ci sarà anche una forte partecipazione di espositori di aziende di accessori e di servizi.

Ingresso: intero 10 euro, scolaresche 6 euro, sotto 12 anni gratuito.

Orario continuo dalle 10.30 alle 20.30 il venerdì, sabato e domenica; dalle 12.30 alle 19 dal lunedì al giovedì.